Le Vele

In questo breve articolo parleremo delle vele di Mal di Plastica, anch’esse  realizzate con materiale di recupero. Non pensate ad un quadrato di tessuto attaccato all’albero, ma ad un vero e proprio sistema velico realizzato a regola d’arte da Venanzio Ferri, esperto velista ed esperto velaio. 

Abbiamo presentato la nostra idea a Venanzio che, senza pensarci un minuto, ha accettato di aiutarci donandoci il suo tempo e la sua arte, realizzando una randa e un genoa, un lavoro non da poco, visto che non avrà a disposizione  del materiale  specifico ma del tessuto da tenda solare. Nel suo bunker taglierà i ferzi, li cucirà insieme e darà vita (non sappiamo davvero come farà) al “motore” meno inquinante che ci sia. 

Attendiamo con ansia le foto della lavorazione che pubblicheremo immediatamente!

Dopo aver deciso insieme a Luca Bracci del Cantiere Nautico Adriatico le misure dell’albero da utilizzare sulla barca e fatto qualche calcolo, abbiamo trovato le misure di entrambe le vele.

 Randa:  b (base) 274cm – P (inferitura) 610cm

Genoa: al 135%

b(base) 328 – P (inferitura) 636cm – Balumina 594cm

 

Entrambe le vele saranno riducibili: la randa grazie ad una mano di terzaroli mentre il genoa grazie al rollafiocco. 

 

Per i bellissimi tessuti colorati che verranno utilizzati da Venanzio per la realizzazione delle vele, dobbiamo ringraziare tantissimo Druma Tende e tutto il suo staff. Anche da loro siamo stati accolti con un sorriso (è inevitabile che una barca di bottiglie faccia sorridere) e da subito con un grande aiuto:  dal loro magazzino ecco spuntare tessuti coloratissimi, per loro avanzi o ritagli di lavorazione, per noi preziosi materiali da costruzione. 

Grazie Venanzio, grazie Druma Tende…sarete voi il nostro motore pulito 😉